da Fiore che ssembe (Edizioni Pietre Vive, 2019)

PÒPERE

Te l’arrecuérde i dì
d’i bececlitte bianghe
e rrosse sott’o’ cile? E ca vulemme
ind’e’ scressciute t’arrecuérde? E ’a mosca
nangose ca ’ngappemme a ccudde file?

’A mosche devendì nu ragne grigge
de pòvele e ccenisce. Ji nan ’ge vule
cchiù: i scressciute parètere de chiumme
e i pòpere, sti pòpere
criòsere ind’e’ mene.

RAGNATELE. Te li ricordi i giorni delle bici / le biciclette bianche / e rosse sotto il cielo? E che volammo / nei tramonti ti ricordi? E la mosca / vorace che incappammo a quel filo? // La mosca è diventata un ragno grigio / di polvere e cinigia. Io non volo / più: i tramonti pareti di piombo / e ragnatele immani – proprio queste /curiose ragnatele tra le mani.

SARÈ C’U SEPE

Cià stè ret’o’ scunnigghie
d’i vulpe, ret’o’ nide d’i verdune,
cià jé sta vite ca schemmove u pitte
e abbatte nghepe accome
fesce a’ staggione u sole?

Ce lassemme nu nzidde
de tuéseche ch’i vestie
sarè c’u chiène ’u sepe cià stè rrusce
chedda nùvela vassce.

FORSE LO SA. Che sta dietro la tana delle volpi / o il nido dei verdoni, / che cos’è questa vita che sommuove / il petto e picchia in testa come / fa alla stagione il sole? // Se lasciammo una goccia / di tosco per le bestie / forse la valle lo sa che sussurra / quella nuvola bassa.

FUOCO DAPPERTUTTO

Il fuoco fugge dappertutto, il mare
scuro si nasconde dietro
le vampe, la lama gli alberi l’erba bruciati
e noi ad aspettare una voce
di capovento che pulisca le parole
e spenga i rami spogli.

Chi pulirà questa terra di carboni
questo ricordo che dimentica
questa notte che fissa a bocca aperta
un angelo incupito dietro il sole?

Sciorino un fazzoletto di parole –
la voce asciuga il mare.

FUÉCHE A TTUTTE VANNE. / U fuéche fusce a ttutte vanne, u muère / gnure s’asconne rete / i vambe, ’a leme l’arve l’erve asckuète / e nù a ’spettè na vosce / de chèpevìnde ca stusce i parole / stute i ramagghie anute. // Ce l’ho’ stusciuè sta terre de carvune / stu recuérde ca scerre / sta notte ca tremende a vvocca aperte / n’àngele gnurucuète ret’o’ sole? / Spànneche nu salviètte de parole – / ’a vosce assuche u muère.

Giovanni Laera nasce nel 1980, è un poeta originario di Noci. Ha conseguito un dottorato di ricerca in Linguistica italiana presso l’Università degli Studi di Torino. Fiore che ssembe è la sua opera prima.

(Visited 108 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *