da Revucègne (puntoacapo Editrice, 2019)

Cecate

A na ruvella šcapištïate i’ corre
pe’ famme taja’ li pide a gna te cerche.
Nche su purtone che sbette a la ‘ntrasacche
quanta core a te s’ascéjje e s’arecciacche.
A muschellacéche a l’attentune tocche
nu štrapizze5 de lu te che me fa gabbe.
Quant’è cecate e fesse l’amore: abbampe
lu ciurvelle pe’ jucà’ du’ sunne a morre.

Cieco. In un vicolo scalpicciato io corro / per farmi tagliare i piedi mentre ti cerco. / Con questo portone che sbatti all’improvviso / quanto cuore in te si sbuccia e si riacciacca. / A moschellacieca a tentoni tocco / un triangolo di te che mi fa gabbo. / Quant’è cieco e fesso l’amore: avvampa / il cervello per giocar due sogni a morra.

A ma’

Areduvìnte vente, frónne a sfrusce
sònne ch’areppummétte timpe e ‘nguštie,
pizzelle che s’abbòtte ‘nche lu latte.
Areduvìnte conche addó’ m’affacce
addó’ lu monne è tonnefónne e calle
è lu rifiate té che m’arevónte.

Ehi ma’. Ridiventa vento, foglie a sfruscio / sonno che rimbocca tempi e angustie, / pizzella che si gonfia con il latte. / Ridiventa conca dove mi affaccio / dove il mondo è tondofondo e caldo / è il respiro tuo che mi trabocca.

Na paróle

‘Bball’a lu cannarine de lu tempe
putesse la paróle sciuvelà’
gna fusse acque de legne25 frijelógne
pe ‘mbónne bbóne št’aria allanganite.
Na paróle che scrìzzeche e s’allégne
dentr’a la ‘ntacche de šta terra scite
na paróle pe’ facce sciampagnà’
gocci-a ggocce a nu pensére che pompe.

Una parola. In basso al gargarozzo del tempo / potesse la parola scivolare / come fosse acqua di legno friccicosa / per bagnare bene quest’aria assetata. / Una parola che schizza e alligna / dentro l’intacco di questa terra andata / una parola per farci spumeggiare / goccia a goccia in un pensiero che pompa.

Marcello Marciani è nato nel 1947 a Lanciano (CH), città in cui vive. Ha pubblicato: Silenzio e frenesia (Quaderni di Rivista Abruzzese, Lanciano 1974); L’aria al confino (Messapo, Roma-Siena 1983); Body movements (traduzione inglese a fronte di A. Rosselli, Gradiva Publications, Stony Brook-New York 1988); Caccia alla lepre (Mobydick, Faenza 1995); Per sensi e tempi (Book Edit., Castelmaggiore 2003); Nel mare della stanza (LietoColle, Faloppio 2006); La Ninnille (I libri del “Quartino”, Albenga 2007); La corona dei mesi (LietoColle, Faloppio 2012); Rasulanne (Cofine, Roma 2012). È presente in: Via terra. Antologia di poesia neodialettale (a cura di A. Serrao, Campanotto, Paisan di Prato 1992). Suoi testi in dialetto sono stati eseguiti dal Centro di Ricerca Teatrale-Musicale “Il Tesoro di Tatua” e dal Cantiere delle Arti “Amaranta” negli spettacoli “Mar’addó” (1998- 1999) e “Rasulanne”(2008-2009-2010), ai quali ha anche partecipato come attore. Nel 2019 esce la raccolta Revucègne in dialetto abruzzese dell’area frentana, con la prefazione di Manuel Cohen.

(Visited 55 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *