M’apu fatu su nou in su muncadoe

M’apu fatu su nou in su muncadore
cricu sas frunzas in sa manu aperta
po ischire su chi m’est capitau,
non ti ch’apu a furae po su dribetu
chi m’as fatu lassandemi a pea,
abochinande andan in caminu
su ferenu chi ndi ‘ogat su sole
de sa die chi cominzat a manzanu.
Papau si ch’at sa lughi
totu su gosu grogo in s’oriente,
cambiu canale ma no ses de acordu
cheres sighiri a cracherae su linu.
Abadia bene no ti pighet sa presse
ispetta a s’imbodiae sa bussaca
coitat a arribae su manzanu
cricande a chia pozo asimizare
donnia foeddu chi mi ‘etit s’aria
de sa die pesandesi lughente.
Non torrat su chi no t’apu nau,
non torrat su chi non t’apu giau.

Ho fatto un nodo al fazzoletto. Ho fatto un nodo al fazzoletto / cerco le pieghe nella mano aperta / per sapere che mi è capitato, / non ti sequestrerò per il dispetto / che mi hai fatto lasciandomi a piedi, / vanno gridando per le strade / il veleno che spreme loro il sole / del giorno che comincia al mattino. / La luce si è mangiata / tutta la gioia gialla dell’oriente, / cambio canale ma non sei d’accordo / vuoi continuare a cardare il lino. / Guarda bene non avere fretta / aspetta che la tasca si svuoti/ fa presto ad arrivare il mattino / cercando a chi posso assomigliare / ogni parola che mi porta l’aria / del giorno che s’alza lucente. / Non torna ciò che non ti ho detto, / non torna ciò che non ti ho dato.

Pitzinna cun arbeghes

Trubande s’ama pililorigada
sas lòrigas lughentes in s’origa
no abadias in ogos chie passat;
che tentonza de olia ses creschende
bàntidu de mamma e babbu tou;
su chi ses fende ti mudat sos ogos
e tue mudas su logu che istrina
benia a nois in s’iscurigada.
Franca sa vida tua, in custa terra
disisperada, deo ponzo in fatu
a passos de su tempus benidore.

Ragazza con pecore. Governi il gregge dai boccoli anellati / gli anelli lucenti nelle orecchie / fuggi lo sguardo di colui che passa; / come germoglio d’olivo stai crescendo / vanto di tua madre e di tuo padre; / quello che fai ti illumina gli occhi / e tu adorni il mondo come un dono / giunto a noi nell’ora del tramonto. / Franca è la tua vita, in questa terra / disperata, io seguo / passi del tempo futuro.

Caricalau

Pigau ch’est su sole in artos chelos
no tenet cosa ‘e mi narrer
cuss’isprigu, alidu ‘e crebetura si ddia incarat.
Crogoristas biancas de mazadas
moven l’aliga in fundu a i custu coro
rajos craros istresian sas peraulas
crèschias in putzu nieddas de sale.
Mudu su mese ‘e maju si chi morit,
s’abba ‘e sas reighinas currit lestra;
caricalau, ogos serraos abadian
su sale marigosu ‘e disisperu.

A testa bassa. Salito è il sole negli alti cieli / non ha niente da dirmi / quello specchio, il respiro dei tetti vi si affaccia. / Creste bianche di onde/ muovono alghe in fondo a questo cuore / raggi chiari allontanano le parole / cresciute in pozzo nere di sale. / Muto muore il mese di maggio, / l’acqua delle radici corre veloce; / a testa bassa, gli occhi chiusi guardano / il sale amaro della disperazione.

 

Mario Cubeddu è nato a Seneghe, un paese della Sardegna centro-occidentale, nel 1947. È cresciuto in una famiglia e in un mondo contadino in cui i mezzi di locomozione erano i cavalli e gli asini, e l’energia per il trasporto e il lavoro nei campi era fornita dai buoi. Ha studiato Lettere Classiche all’Università di Cagliari e si è laureato con una tesi sul dialetto beotico (in cui scriveva la poetessa Corinna) e gli altri dialetti greci. Si è occupato di storia del mondo agrario e di storia sociale della Sardegna nel XX° secolo, pubblicando alcuni saggi sull’argomento. Ha promosso attività culturali nel paesi natio ed è stato tra i fondatori del Festival di poesia Cabudanne de sos poetas- Settembre dei poeti” di Seneghe, giunto alla quindicesima edizione. Da tre anni ha scoperto una vocazione poetica a cui si dedica con passione. Finalista al Premio Giolio Angioni di Guasila e al Giuseppe Malattia della Vallata nel 2018, nel 2019 ha ottenuto il secondo posto in quest’ultimo premio che si tiene ogni anno a Barcis ed è dedicato alla poesia in dialetto e nelle lingue minoritarie.

(Visited 223 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *