da I barlümm d’un barlafüs. I barlumi d’un confuso (ABEditore, 2018)

Spleen

Te sê quand te sê pü ’se fà
quand vegn giò scür e te scùltet
fiadà i alter e te múgnett
pian pian, cantilenun
e i ögg paren velâ dal fümm
e l’ültima bucàda la te imbambìss
e ‘l dìs l’ültim barbun una vacáda
e i òmm paren ciulada sü ciulada
e dìsen minga verità j amís.
Gh’è minga un vént o un buff
che pó cambià el temp,
te páret rembambî o quasi ciucch
e in de l’umbrìa te cüntett i mucc
che hinn tant cume i dulùr in de la vita.

Spleen. Sai quando non sai più che fare / quando vien sera ed ascolti / parlare gli altri e piano ti lamenti / cantilenante / e gli occhi sembrano velati dal fumo / e l’ultima boccata ti stordisce / e dice l’ultimo barbone una stronzata / e gli uomini sono truffa su truffa / e più non dicon verità gli amici. / Non c’è un vento o un soffio / che possa cambiare il tempo, / sembri rincoglionito o quasi sbronzo / e nell’oscurità conti i mozziconi / che sono tanti come i dolori nella vita.

El milanes d’incö

Te sett un cundanâ a mòrt
che te ve in lètt a quei urari
lì, che nanca un gainàtt tradî
ghe la faria a durmì?
O una duneta vegia che
l’è dre a murì, un òmm vecc
tant quei de la Bibia, un can che l’è rivâ
a l’età di gent?
Te ghe no de vangà la tera,
te ghe no de schiscià l’uga.
Ma un quaicoss te früga in del cervell…
E l’è el malann del milanes d’incö.

Il milanese d’oggi. Sei un condannato a morte/ che vai a letto a quegli orari/ li, che neanche un ubriaco fradicio/ ce la farebbe a dormir? O una donnetta vecchia che/ sta per morire, un uomo vecchio/ come quelli della bibbia, un cane che è arrivato/ all’età d’ella gente? Non hai da vangare la terra, non hai da pigiar l’uva. Ma qualcosa ti fruga nel cervello…Ed è il male del milanese moderno.

A fà casott

E sem turnâ a cà
dopu la nott a l’usteria
a giügà, vusà e fà casòtt
e l’em truada pü la miê
perchè in cambià i temp, un rebellòtt
de vus han cambiâ i règul e natüralmént
la gh’era pü la Marianna
dal venter semper s’ciunf.
Bastarda d’una vita, m’è stâ ben
duvevi resentà mi
i piatt stanott.

A far casino. E siamo tornati a casa/ dopo la notte all’osteria/ a giocare, urlare e fare casino/ e non l’abbiamo più trovata la moglie/ perché sono cambiati i tempi, una confusione/ di voci hanno cambiato le regole e naturalmente/ non c’era più la Marianna/ dal ventre sempre gonfio./ Bastarda d’una vita, mi stà bene/ dovevo sciacquarli io/ i piatti stanotte.

Claudio Recalcati nasce a Milano nel 1960. Le raccolte che ha pubblicato sono: Riti di passaggio (1995), Senza più regno (1998) e Un altrove qualunque vincitore del Premio Internazionale Eugenio Montale 2002. Ha curato, con Carlo Maria Bajetta e Edoardo Zuccato, il testo universitario Amore che ti fermi alla terra. Antologia di voci del petrarchismo europeo. Ha tradotto poeti per “Testo a fronte” e gran parte dell’opera poetica di Francois Villon in dialetto milanese.

(Visited 63 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *