da Tàşighe!Taci dai! (Book editore, 2018)

I xè fiori

(a Luisa)

i xè fiori
e t’ei buti via …
i xè fiori
magari un fià masipà
co’a testina un ninìn şbasà
ma i xè i tó fiori
– i xè senpre fiori:
e t’ei buti via
ah! chea man
ch’ea se vèrže
par strusiàre
queo che cheàltra
ea se ga danà a rancuràre!
scólta – stéa –
scóltame un àtimo …
te te ricordi che mi e ti
se sémo voésti tanto bèn?
ti – che un dì
te me ga dito ca xèro na roşa:
e na roşa drento na roşa …

Sono fiori. Sono fiori / e li butti via … // sono fiori / magari un po’ rovinati / con la testina un po’ abbassata / ma sono i tuoi fiori / – sono sempre fiori: / e li butti via // ah quella mano / che si apre / per consumare / quello che l’altra / si è dannata a raccogliere! // ascolta – stella – / ascoltami un attimo … / ti ricordi che io te / ci siamo voluti tanto bene? / tu – che un giorno / mi hai detto che ero una rosa: / e una rosa dentro una rosa …

Sansàe

te ghe mocàvi ea boca
e bèn
a tute e spoşe che’e te coréva drio
come e sansàe
“mi so cosa”
ti te dişévi
“no xè ‘cosa’ ma ‘có cosa’!
– e no se pòe dire”
i dişéva cheàltri …

Zanzare. chiudevi loro la bocca / e bene / a tutte le spose che ti correvano dietro / come le zanzare // “io so cosa” / dicevi // “non è ‘cosa’, ma ‘con cosa’! / – e non si può dire” / dicevano gli altri …

Come in t’ea só boca

cosa el ga da èsare chel pèrdarse
come in t’ea só boca
ma ’ncora più calda
un fià sałà
che drento par ca ghe sia’l mare
có tuti i só pési
ma anca più dólse
come se el mièe de tuti i fiori del mondo
el se fuse radunà in t’ea stesa cuna
e, torno, e frasche e l’onbrìa
d’un boschéto cresù in coìna …
na tenàja …
na tenàja ch’ea te incorona ea testa
pa’l trionfo più bèo

Come nella sua bocca. Cosa dev’essere quel perdersi / come nella sua bocca / ma ancora più calda / un po’ salata / che dentro pare che ci sia il mare / con tutti i suoi pesci / ma anche più dolce / come se il miele di tutti i fiori del mondo / si fosse radunato nella stessa culla / e, intorno, le frasche e l’ombra / di un boschetto cresciuto in collina // una tenaglia … // una tenaglia che ti incorona la testa / per il trionfo più bello

Nina Nasilli è nata a Rovigo; vive e lavora a Padova, dove si è laureata in Lettere classiche e ha avviato il laboratorio-studio “Atelier Interno 7”. Ha ricevuto riconoscimenti nazionali e internazionali, tra cui il Premio ciceroniano “Città di Arpino” (2013). Ha tenuto mostre in Italia e all’estero; collabora con poeti e scrittori per la realizzazione di volumi e preziose edizioni d’arte, e dirige per Book Editore la Collana d’arte parolatracciaparola. Ha pubblicato:  libri artistici So che sei bella, anima mia! (Il Prato, 2008) e Uovo nudo (Book Editore, 2013), la cartella d’arte Il cielo oggi non sta in piedi (Book Editore & Stamperia Barbato Venezia, 2014),  libri di poesia Imperfezioni moleste. E oltre (Il Prato, 2008); TRA.DIS.CO – trame di disprezzo coerente e licantropo (Book Editore, 2010), Oasi criptate (con M. Gadez e P. Garofalo, Il Foglio Letterario, 2012), Parabola d’amore (racconto in versi per il teatro, Book Editore, 2012), al buio dei nodi anfratti (con una nota di Alberto Bertoni, Book Editore, 2016; Premio Int. “Marineo” 2016).

(Visited 61 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *