da Te’l gnentintut de le parole. Nel quasi niente delle parole (Ronzani Editore 2019)

 

Le voẑi

Co torne te’l cortivo
me par de sentir la Singer che bate
– che canta – che ghe cor drìo
a l’ór de ’na tovaja…
Par che d’incanto o fursi
pa’ ’n fior de calicanto
se descante la voẑe de i morti
se spalanche la sòn de i vivi
inte ’n sboàt de festuc
s’céṡene ẑìpole e fierun –
che slùṡega
che no’ se poda – che no’ trova chiete

Le voci. Quando torno nel cortile / mi par di sentire la Singer che pulsa / – che canta – che rincorre / l’orlo di una tovaglia… // Pare che d’incanto o forse / per un fiore di calicanto, / si desti la voce dei morti, / si spalanchi il sonno dei vivi, // in un turbine di pagliuzze / frustoli minuzzoli e frantumi – / che luccicano, / che non si posano – che non trovano quiete

 

Fin a ora de ẑena

Su le rame de n’istà verdorame
vestida de lanpi e serle de luna
’na patulia de ẑigale
la raspa ’l ciel inte ’n ciaro che ’l trema
Noialtri, nudi fà sconpìs, lingére
senẑa remision,
tuti su l’àrden
a pisar in pìe – fin a ora de ẑena

Fino a ora di cena. Sui rami di un’estate verderame, / vestita di lampi e falci di luna, / una pattuglia di cicale / raspa il cielo in una luce che vibra. // Noi, nudi come ranocchi, monelli / senza ritegno, / tutti sull’argine / a pisciare in piedi – fino a ora di cena

 

La brédola

Fraxinus in silvis pulcherrima
Bucoliche
. Ecloga VII. 65. Virgilio

Intra tuti i àrboi
cuél che me piaṡe de pi
l’é la brédola…
La é alta fina lidiera
fà ’na toṡeta – co’ ganbe de neve –
che ’n sbufo de vent
sbiro
al ghe soleva le còtole…
’lora ghe ride ride ride
tute le foje

La betulla. Tra tutti gli alberi / quello che amo di più / è la betulla… // È alta elegante leggera / come una fanciulla – con gambe di neve – / che uno sbuffo di vento / malizioso / solleva le gonne… // allora ridono ridono ridono / tutte le foglie

 

Vito Santin nasce a Conegliano, Treviso, nel 1950. Vive a Scomigo, una frazione collinare di Conegliano. Ha insegnato Educazione Tecnica nella Scuola Media Statale, e da sempre lavora con l’argilla, creando bassorilievi e ceramiche (1960-1986). Te’ l gnentintut de le parole esce nel 2019 ed è suo primo lavoro di poesia.

(Visited 54 times, 6 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *