da FadíaFatica (Samuele Editore 2019)

MOBI
Par Renata

No farín pí la lessiòn
su la ciassa a li balenis
su li fòssignis ch’a svualin
in miès li ondis
sot un sèil di plomp.
E sbrissin
ta chel coràn blanc
di ísula ch’a si svea
al fòuc dai pes-ciadòurs
e strassina
e s-ciampa
coma la vita.
Ma, recuarda:
a si plans
doma cuàn ch’a no si è pí
o si nas.

Moby. Non faremo più la lezione / sulla caccia alle balene / sulle fiocine che volano / in mezzo alle onde / sotto un cielo di piombo. / E scivolano / sopra quel cuoio bianco / di isola che si desta / al fuoco dei pescatori / e trascina / e scappa / come la vita. / Ma, ricorda: / si piange / solo quando non si è più / o si nasce.

TAL BOS-C ROS

Tal bos-c ros
t’i ti sins coma un bagigi
drenti la so scussa
suta e dura.
E ti sbat il còur
coma un sur
a planc a planc.
Ti às ciaminàt in miès di fradis
e la strada ti clopa tai zenòi.
Ma il sudòur ti s-cialda
e no ti às pòura da la fadía
dal sòcul ch’a s’infonda ta la nèif.
Ti esíst doma tal sfuàrs
ta la tela di rai dal flat
sensa pensà a chel ch’a ti mancia.
Ma za al finís il bos-c
e laiú ti iòs
i biscòs dai barcòns
la lus da li stúis
la fin dal viàs.

Nel bosco rosso. Nel bosco rosso / ti senti come una nocciolina / nel suo guscio /asciutto e duro. / E il cuore ti sbatte / come un turacciolo / pianopiano. / Hai camminato in mezzo a fratelli / e la strada ti scricchiolanelle ginocchia. / Ma il sudore ti scalda / e non hai paura della fatica / dello zoccolo che affonda nella neve. / Esisti solo nello sforzo / nella ragnatela del fiato / senza pensare a quello che ti manca. / Ma già finisce il bosco / e laggiù vedi / i biscotti degli scuri / la luce delle stufe / la fine del viaggio.

LA VISSINA

Un dolòur di piera
ch’a si creva.
A sta ta la ciasa rosa in plassa
in banda al su e iù.
Ti sas ch’a esíst
pai barcòns viers
i flòurs distudàs e vifs
i pinús ta la terassa.
A faseva zirús
pocànt l’argàin par ciaminà
adès no ti la iòs pí.
‘Na sera sintada tal marciapiè
ti às incrosàt i so vui:
sot il vèil scur un nul
da strensi il còur.
Ti pensis al so ciàf líbar
davòur da li tendinis.
Ti pensis a li so mans
ch’a àn netàt il mont
preparàt di gustà
caressàt
copàt.
No, doma curàt
la radís dal mal
la grama ch’a s-ciafòiava la plantuta
in non di dutis.

La vicina. Un dolore di pietra / che si crepa. / Sta nella casa rosa in piazza /in parte al su e giù. / Sai che esiste / per le imposte aperte / i fiori spenti e vivi / i pinetti sul terrazzo. / Faceva giretti / spingendo l’aggeggio per camminare / adesso non la vedi più. / Una sera seduta sul marciapiede / hai incrociato i suoi occhi: / sotto il velo scuro nuvole nere / da stringere il cuore. / Pensi alla sua testa libera / dietro le tendine. / Pensi alle sue mani / che hanno pulito il mondo / preparato il pranzo / accarezzato / ammazzato. / No, solo strappato / la radice del male / la gramigna che soffocava la piantina / in nome di tutte.

Silvio Ornella nasce a Castions di Zoppola (Pordenone) nel 1958; insegna all’I.T.I.SJ.F.Kennedy di Pordenone. Con il gruppo “Majakovskij” ha pubblicato l’antologia Da un vint insoterat e Pa li’zornadis di vint e di malstâ. In proprio sono uscite le plaquette Rudinàs. Detriti, Ùa. Uva, Paesagiu sculpìt, Il polver ta la mània. La polvere sulla manica, Timp in motu. Tempo incerto.

(Visited 94 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *