da Semiserio. Versi a ruota libera

A mio padre

Ammuttava u carrettu ppo mercatu
chinu di finocchi c’hava cugghiutu;
dopu misi di travagghiu l’hava puttatu
a soggiri prima do suli sorgiri
aspittannu a chiamata da viddura
ripens’a surura e li notti ittatu
supr’a ddu carrettu menzu scassatu
ccu finocchi tagghiati frischi ppa fuura!
Spiranza e dilusioni nda na vota sula
ne pigghianu mancu ‘ncosiderazzioni
fora junnati sani e i puteva ittari…
e ‘ntornu ‘nciauru di finocchi dintussicari!

1º maggio 1966
Ricordo della vendita andata male di una carrettata di
finocchi

A mio padre. Spingeva il carretto per il mercato / pieno di finocchi che aveva raccolto / dopo mesi di lavoro lo aveva portato / ad esigere prima de il sole sorgere: / aspettando la chiamata della verdura / rivanga le notti ed il sudore buttato / sopra quel carretto mezzo scassato / con finocchi appena tagliati per fare la sua figura. / Speranza e delusione in una volta da leggere; / non li presero neanche in considerazione / fuori giornate e nottate intere, li poteva buttare… / ed attorno un odore di finocchi da intossicare!

Caldo

U ‘ntisi stamatina no teleggionnali
“ oggi s’abbia a cauru,
‘ncauru di chiddu fotti “:
ppi sicurezza ncasu finesri e potti!
Ma ricu ju: ti pari ca chistu è cauru?!
Aspetta c’acchiana chiddu bbonu,
chiddu quannu ti surunu magari ‘aricchi
e non t’arrestunu ppi chiangiri mancu l’occhi!
Prima ricunu ca oggi manna cauru
e ju m’attrezzu di conseguenza:
ma s’u cauru fotti a veniri:
e mi scummigghiai viddicu e panza!
Ô niscemu a farini na passiata
tutti assemi e stam’in chiazza
dda ca tira tannicch’e oria:
‘ccu ‘ncafè e gelatu nda na tazza.

Caldo. L’ho sentito stamattina al telegiornale / oggi si butta a caldo, / un caldo molto forte / per sicurezza chiudo finestre e porte / Ma dico io, e ti sembra caldo questo?! / Aspetta che viene quello giusto, / quando ti sudano anche le orecchie / e non ti restano per piangere neanche gli occhi! / Prima dicono che oggi gira a caldo / ed io mi attrezzo di conseguenza; / ma se il caldo deve ancora arrivare: / ed io che ho scoperto ombelico e panza! / Ok, usciamo a farci una passeggiata / insieme, stiamo in piazza / dove tira un pò di brezza / con un caffè e gelato in una tazza.

Dormiveglia

Che bella poesia: ora mi susu e scrivu!
A megghiu è sempri l’ultima
aspetta, comu faceva?
Addumu a luci, pigghiu na pinna, ceccu ‘mpezz’i carta
ca quali, avvutamu tutti cosi
e ccu s’arrivodda cchiù!
Va astutamu sta luci
era megghiu ca durmeva!

Dormiveglia. Che bella poesia: ora mi alzo e scrivo! / La migliore è sempre l’ultima, / aspetta, come faceva? / Accendo la luce, prendo una penna, cerco un pezzo di carta / macché, chiudiamo tutto: / e chi la ricorda più! / E va bene spengo la luce / era meglio se dormivo!

Gaetano Ragusa è nato a Catania nel 1953. Arruolato nel 1970 come Sottufficiale Esercito, volontario, meccanico di aerei leggeri e successivamente come tecnico meccanico di elicotteri, inviato a Casarsa della Delizia (Pordenone) dove dal 1972 risiede.

(Visited 71 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *