da Corpo dea realtà. Corpo della realtà (Puntoacapo Editrice, 2019)

Nome e date, modèl e misure

‘A fabrica ‘ndo’ che da un mese
‘ò catà lavoro a pressàr cartoni
– co’l cancèl che òcia aa Provinciàe
ingolfàdha de tir, pitpit e forgonzhini
a òni ora del dì e dea nòt – confina
co’l zhimitero del paese. ‘Na mureta
de cimento grisa alta dó metri, tàjia
‘a base dei zhipressi in fia, e voltra
el viaét ‘n’antra bruta mura, ‘n’antro
capanón, e dopo ‘n’antro ‘ncora, serà…

Vive te ‘na tèra che no’à rispèto nianca
pa’ i morti, che no’ sa pì darghe ‘a pase
che i merita. Li pense là, co’i só fiori
de plastica, circondàdhi dal griso, dai
rumori, tiràdhi ‘ncora drento al nostro
far e desfàr, ae nostre smanie insulse.

Li pense là, tuti strenti tee coeonbère,
oniùn co’l só nome, ‘e date, come
‘e tasse de scàtoe e fòji che fen,
‘a etichéta petàdha, modèl e misure.

Nome e date, modello e misure. La fabbrica dove ho trovato lavoro / da un mese a pressare cartoni / – col cancello che guarda alla Provinciale / ingolfata di tir, clacson e furgoncini / ad ogni ora del giorno e della notte – confina / col cimitero del paese. Un muro / di cemento alto due metri, taglia / la base alla fila dei cipressi, e oltre / il vialetto, un altro muro orrendo, un altro / capannone, e poi un altro ancora, chiuso… / Vivo in una terra che non porta rispetto neanche / ai defunti, che non sa più consegnare ad essi la pace / che meritano. Li penso là, coi loro fiori / di plastica, attorniati dal grigio, dal / frastuono, tirati ancora dentro al nostro / fare e fallire, alle nostre smanie assurde. / Li penso là, fitti nelle colombaie, / ognuno col suo nome, le date, come / le pile di scatole e fogli che componiamo, / l’etichetta appiccicata, modello e misure.

* * *

Stessa lengua?

Prova a farte un viàjo pa’ l’Italia,
dae Alpi fin al streto de Messina,
fin ae isoe, còssa dise! va ‘vanti
e gira pa’ l’Europa, se no’ basta…

Dapartùt ‘a stessa ròba, ‘e stesse
cadhéne de bóteghe, ‘e stesse
braghe, e fruti, ociài o carèghe,
‘i stessi cóeori. ‘A stessa crisi.

Àeo pròpio da èsser anca ‘a stessa
lengua a dir in poesia chi che sen,
quea soea? ‘na lengua conpagna
dei paneti fiapi del mècDonald’s,

dee felpe in pàil dea Decathlon
o dee lanpade a cono de l’Ikea?
‘E mé paròe le ‘é storte, macàdhe,
vèce e diverse, lo so, ma le ‘é sièlte

e scrite co’ passión, e nianca una
vièn scartàdha. No’ò da venderle,
dàrghee da magnàr a tuti, far schèi.
A mì, in fondo, ‘e me va ben cussì.

Stessa lingua?. Prova a farti un viaggio per l’Italia, /dalle Alpi sino allo stretto di Messina, / sino alle isole, cosa dico! Vai avanti / e gira per l’Europa, se non bastasse… / Dappertutto trovi le stesse cose, le stesse / catene commerciali, gli stessi / pantaloni, e frutta, occhiali o sedie, / gli stessi colori. La stessa crisi. / Deve proprio essere anche un’unica / lingua a dire in poesia chi siamo, / quella soltanto? Una lingua simile / ai panini flosci del mcDonald’s, / alle felpe in pile della Decathlon / o alle lampade a cono dell’Ikea? / Le mie parole sono storte, ammaccate, / vecchie e diverse, lo so, ma sono scelte / e scritte con passione, e neanche una / viene scartata. Non devo venderle, / darle da mangiare a tutti, far soldi. / A me, in fondo, vanno bene così.

* * *

Resta ‘sto pont croeà fra l’òn
e ‘a salvezha, ‘sta cavezha
che ne mena ‘torno tel cortìo
colmo de tende e de scoàzhe,
rezhintà da ròdhoi de reticoeàto.

De còssa parléneo co’
parlén co’a nostra ànema…

E còssa ghe ‘conte mì a mé fiòl
sentà tea sabia, là che ‘l se varda
el mar che par lù l’é stat tufi
e zògo, e par altri fuga o desgrazhia.

Resta questo ponte crollato fra l’uomo / e la salvezza, questa cavezza / che ci mena intorno nel cortile / intasato di tende e masserizie, / recintato da rotoli di reticolato. / Di cosa parliamo quando / parliamo con la nostra anima… / E cosa racconto a mio figlio / accoccolato sulla sabbia, mentre rimira / il mare che per lui è stato tuffi / e gioco, e per altri fuga o disgrazia.

Fabio Franzin è nato nel 1963 a Milano. Vive a Motta di Livenza, in provincia di Treviso. È redattore della rivista di civiltà poetiche “Smerilliana”. Ha pubblicato le seguenti opere di poesia: Il groviglio delle virgole, Stamperia dell’arancio, 2005 (premio “Sandro Penna”); Pare (padre) Helvetia, 2006; Mus.cio e roe (Muschio e spine), Le voci della luna, 2007 (premio “San Pellegrino”, premio “Insula Romana” e premio “Guido Gozzano”); Fabrica, Atelier, 2009 (Premio “Pascoli”, Premio “Baghetta”); Rosario de siénzhi (Rosario di silenzi – Rožni venec iz tišine, edizione trilingue con traduzione in sloveno di Marko Kravos), Postaja Topolove, 2010; Siénzhio e orazhión (Silenzio e preghiera), Edizioni Prioritarie, 2010; Co’e man monche (Con le mani mozzate), Le voci della luna, 2011 (premio “Achille Marazza”, finalista al premio “Antonio Fogazzaro”); Canti dell’offesa, Il Vicolo, 2011; Margini e rive, Città Nuova, 2012; Bestie e stranbi, Di Felice (I poeti di Smerilliana), 2013; Fabrica e altre poesie, Ladolfi editore, 2013; “Sesti/Gesti”, Puntoacapo, 2015, Erbe e aria, Vydia 2017, Premio “Thesaurus” 2017, Premio “Luciano Notari” 2018.

(Visited 136 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *