Foto di Marco Zanirato

da ‘N gir a pè (LietoColle 2018)

Me vegn che di völt i paròj che dupéri
suméjen no ‘l tantu desiderùs de vegnì föra: cà, ma cusa
le vör dì cà? Strada, che strada? Se t’en cugnùset cent
e te ghe vöret minga ben a nisügna? Fôrzi che la puesia püsé
che cugnùs le duarìa scugnùss? Stem fresch!…Mì, di völt,
aj paròj me abanduni, j ‘e lasi parlà deperlûr
e se capisi no, vör dì che gh’è amò ‘n pô
de strada de fà. Fôrzi l’è ul mund ch’el g’à
‘na sua rasùm dificil de cumprend o ch’el se metü
a girà a gamp all’ari…Te pö scumètt
quel che te vöret, ma duman sarèm amò chì
a vardàss ‘n di öcc, a indüjnà quel che pö sücéd,
quanti ropp înn restâ de dumandàgh

Mi viene che alle volte le parole che adopero / non assomigliano al tanto desideroso di venire fuori: casa, ma cosa / vuol dire casa? Strada, che strada? Se ne conosci cento / e non ami nessuna? Forse che la poesia più / che conoscere dovrebbe sconoscere? Stiamo freschi!… Io, alle volte, / alle parole mi abbandono, le lascio parlare da sole / e se non capisco, vuol dire che c’è ancora un po’ / di strada da fare. Forse è il mondo che ha / una sua ragione difficile da comprendere o che si è messo / a girare a gambe per aria… Puoi scommettere / quello che vuoi, ma domani saremo ancora qui / a guardarci negli occhi, a indovinare quello che può succedere, / quante cose sono restate da domandargli.

. . .

Te disarô dopu ul mè nom. Sunt quel
che tegn a ment tüscôss, ma t’ô dâ ‘n man i ciaf
e la cà l’è tua. T’ô tucàda cunt j öcc, ma gh’è vurü
tütt ul mè timur per tucàt la prima völta.
Rifarìsi quest de cap. Ul cör l’è amò prunt a giügà,
a sbirciàt quand te se làvet, e inscì,
‘n quej mument, desmentighi la fam, la sét,
ul dulur de stumich… Te me piàset specenàda,
mèza biûta e mèza cunt adoss ‘n quaj strascètt. Te ciami:
“Spécia ‘n mument…”. A speciàt, starìsi chì mila ann,
ma möves, vegn a vuntra de prèsa, fam sentì
ul prufüm che te ghét adoss, ch’el me sbìrula
de denter e de föra… T’ò mis sûj tö pé tant
de chi stradi che l’è dificil vegnit adré.
Scunfùndum no, j ûr bàsten maj e per quest
la nocc l’è stada buna de cambià i nôster respir.

Ti dirò dopo il mio nome. Sono quello / che tiene a mente tutto, ma ti ho dato in mano le chiavi / e la casa è tua. Ti ho toccata con gli occhi, ma c’è voluto / tutto il mio timore per toccarti la prima volta. / Rifarei questo daccapo. Il cuore è ancora pronto a giocare, / a sbirciarti quando ti lavi, e così, / in quei momenti, dimentico la fame, la sete, / il dolore di stomaco… Mi piaci spettinata, / mezza nuda e mezza con addosso qualche straccetto. Ti chiamo: / “Aspetta un momento…”. Ad aspettarti starei qui mille anni, / ma muoviti, vieni subito, fammi sentire / il profumo che hai addosso, che mi confonde / di dentro e di fuori… Ti ho messo sui tuoi piedi tante / di quelle strade che è difficile seguirti. / Non confondermi, le ore non bastano mai e per questo / la notte è stata capace di cambiare i nostri respiri.

. . .

M’ànn dî che duvévi girà ‘n film ‘n Spagna,
che gh’éri ‘na facia futugrafica, dü tett
prunt a spacà l’ubietif, i gamp de cavala mata…
Pö, quand ànn finî de pizigàm depertùtt,
denanz, dedré e anca de fianch,
m’ànn dî de turnà a cà, che se faséva pü gnient.

Mi hanno detto che dovevo girare un film in Spagna, / che avevo unafaccia fotogenica, due tette / pronte a spaccare l’obiettivo, le gambe di cavalla matta… / Poi, quando hanno finito di pizzigarmi dappertutto, / davanti, didietro e anche di fianco, / mi hanno detto di tornare a casa, che non si faceva più niente.

Piero Marelli vive a Verano Brianza. Ha pubblicato: Se questo viaggio finisce, Le voci che ci adottarono, Stralüsc, Antigone, Eloisa, Paola, Edipo a Verano Brianza, Botanica dialettale (Edizioni Pulcinoelefante, Premio Giacomo Noventa Venezia, 2002), Cantàda di cantàd, (Cantico dei Cantici in brianzolo, Edizioni La Vita Felice), Una storia della vera croce. Si è interessato alla figura di Federico Garcia Lorca, e recentemente ha curato con Lorenzo Piemonti la regia di uno spettacolo teatrale Arene senza muri, costruito sulla poesia di Lorca.

(Visited 52 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *