Dalla raccolta La casa dei venti (Il vicolo, 2018)

 

Su un sonetto di Jean Desponde

Perché deplorare la Natura
della brevità dei giorni e posare
quest’ombra fedele su un altare?
È solo un’idea della mente che muore
la fiamma cieca delle ore
in un acre soffio di danza
di larve che affollano la stanza.
Lascia tutto così: sbaglia chi ancora
crede di ascoltarla e lavora
giorno e notte, e lì dentro si mura.

 

 

A una carrucola

Tenera membrana del pozzo,
nebbia delle mie brame,
cala il secchio sporco di vita e tira
su quella parte di me più pulita
laggiù sommersa,
spalanca lo specchio:
quello che leggi, rovescialo.


Finalmente fuori,
più liquido e storto
in quella nebbia di mai,
più buio e vecchio
se un giorno ci tornerai.

 

L’aura di Guayaquil

para Laura N.

«Temblablan los labios en el aire
y las iguanas entre los arboles sobre el prado
las iguanas qui nacieron desde la herba
tuvieron la mira pietrificada del hado»

Una volta ti diedi un bacio nel giardino di Guayaquil.
Ma non era solo un bacio, era una parola nascosta
nel cuore che finì sulla bocca.
Te la restituii rubando un momento di slancio
tra una parola e l’altra
sfruttando uno spiraglio fra le tue labbra.
Dal cespuglio veniva un fruscio allegro di voci.
Un’antica luce brillava negli occhi delle iguane.
Sul piedistallo di Bolívar urlava un signore
gli ultimi peccati mortali ai passanti distratti.
Le foglie della magnolia ci proteggevano dal sole.
Quante cose mi parlano ancora di quell’aura
un pomeriggio di Guayaquil?
Mi domando se un ricordo che da sempre ci aspetta
un giorno all’improvviso invecchia,
se quel bacio che per un attimo ci ha legato
nel mondo dove tu non abiti più, è tornato
nei tuoi pensieri con una dolce stretta.

 

Salvatore Ritrovato è nato a San Giovanni Rotondo il 30 aprile del 1967. Vive a Urbino da molti anni, dove insegna Lettera tura italiana moderna e contemporanea presso l’Università “Carlo Bo”, e Scrittura creativa presso l’Accademia di Belle Arti. Ha pubblicato diverse raccolte di versi: ultima, in forma di leporello, con illustrazioni di Dominique Fidanza, Cercando l’isola (FiorinaEdizioni, 2017). Fra i suoi lavori critici e saggistici (su poesia e paesaggio, cinema e letteratura, canoni e antologie, il madrigale cinquecentesco, Volponi ecc.) si segnala la nuova edizione di una raccolta di interventi militanti sulla poesia contemporanea La differenza della poesia (Puntoacapo, 2017). Collabora saltuariamente a riviste e periodici di letteratura militante; suoi testi sono stati tradotti in varie lingue.

(Visited 122 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *