da la maraja (L’Artistica Savigliano 2020)

 

Pero pero monta su

Arnominà Iacho Tros. A Pòrta Neuva,
stassion, daré dle pilie grise, sëtà
‘nsema a coj ch’a van ciamand.
La fam tambussa. Sigarèt, monsù?
“La mòrt sle trosse”: am disio,
ij amis chità s’ël travaj, a ‘l diao.
Dòp disné bamblinavo sota ij pòrti.
Ma mi l’hai scotà tavòta
ij pass linger dle fije ch’a traosso
‘n grignand le contrà veuide ‘d luj,
faravosche ‘d na leugna gioventura.
Parto col pianto nel cuor
a Torino ho lasciato il mio amor.
E l’è deurvisse parej,
ma na ferìa,
ma ‘n taj fòra misura
mia boca soagnà, costa malalenga sclinta
e afrosa. “Adess mi t’arconòss”
Trox = tragicum os.

Mi chiamano Iacho Tros. A Porta Nuova / stazione, dietro colonne grigie, / seduto tra i pezzenti. La fame bussa. / Una sigaretta, signore, per favore? / “La morte alle calcagna”, mi schernivano / gli amici del lavoro, al diavolo anche loro. / Dopopranzo girovagavo sotto i portici. / Ma ogni tanto ho sentito / passi leggeri di ragazze attraversare / ridendo le strade vuote di luglio / scintille di abissale gioventù. / Parto col pianto nel cuor / a Torino ho lasciato il mio amor. / E s’è aperta così, / come una ferita, / una smisurata piaga / la mia splendente voce, questa malalingua / pura e atroce. “Adesso ti riconosco”. /Trox = tragicum os.

C21H23NO5

Coma son seurtì viv? Ses ‘d via Coni,
Borgh Cineis, lusent filavo ij invern
sla sità dël tòr. S’ël taolin, scarlà:
stërnaj, tisòire. L’uja fricassa ant ‘l fojòt.
Il tuo biondo studente è adesso dottor.
Ël me brass gropà a la drita ‘d Nosgnor:
la spa. Once rabasto le ore. Ndoma a cà:
sì, i la fas pì. Veni increator spiritus.
Dousseur ‘d Valòria, ven: meisin-a, mel:
suva con toe caveij cost sudor ‘d giassa
ch’a pogna: e cò a i-è ‘nt la curnis,
dij màir ch’a bogio, ël fument, ciaira
tachissa dël doman sij mur, scortià:
ch’a veul pì nen ‘ndès-ne, e belessì
l’ha fait soa nicia, spartiss con mi
costa sè sensa fin. Pòrt-me lontan,
maman. Fnestre e tentassion, palass
‘ndoa adsit Deneb, i toranarai, ‘n dì.
Tròp tard për cori andarera – nen, miraco,
per geughem-la ‘n autra vira, torna
perdite e perdi, flambé ‘l ultim bòcc,
col ch’a resta, ‘l tross ch’a i-ero e son.

Come ne sono uscito vivo? Sei di via Cuneo, / Borgo Cinese, lucenti filavano gli inverni / sulla città del toro. Sul tavolino, sparsi: / stracci, forbici. L’ago frigge nel paiolo. / Il tuo biondo studente è adesso dottor. / Il mio braccio legato alla destra del Signore: / la spada. Unte strisciano le ore. Andiamo a casa: / qui, non ce la faccio più. Veni increator spiritus. / Dolcezza di Valoria, vieni: medicina, miele: / asciuga coi tuoi capelli questo sudore di ghiaccio / che punge: e cosa c’è nella cornice, / dita magre che muovono, i vapori, albume / vischioso del domani sui muri, scorticati: / che non se ne vuol più andare, e qui / ha fatto la sua tana, divide con me / questa sete senza fine. Portami lontano, / mamma. Finestre e tentazioni, palazzi / dove adsit Deneb, ci tornerò, un giorno. / Tardi per correre indietro – non, forse, / per giocarmela un’altra volta, di nuovo / perderti e perdere, sfiorare l’ultima sorte, quella che resta, il torsolo ch’ero e che sono.

 

et inhabitavit in nobis

Frisson-a l’univers. L’istà rabasta
sij pays, la neuja, soa maistà, a vira
ma na sòtola. Ij garuf gitan a balo.
Ij dëlfin d’Oc a monto sle taole
aot sle ale con ij pugn pì aot, ‘nvers
‘n cel ‘d tufa. Rivolussion, arvangia,
a nosto modo soma tornà, a pijesse
ël mej: a vivi. Danson la Carmagnole
au son du cannon. E mi, Jaco Tros,
marcà sla front, la lenga grama
‘d genepy, stërmà daré dij ray-ban
la mia pior – mi tut l’hai dësprendu
e sai che tut l’è arvirasse ancontra
(mi che solengh l’hai vist la neuit
caleja dzora M’lea la founsa:
mi che son setame sota ij murajon
ëd Thebe, caminà ‘n mesa ij mòrt
pì mòrt…) ant ‘l dì pì fauss, na ramà
‘d eva sij miengh, la radio contava
stòrie dròle e mi nassio perdu, sensa
paròle gnanca për dite arvëdze. Mare,
ma ‘n forësté l’as fame cori ‘n gir
a ciamè ‘n pòst cò për ti, për toa gena,
e son chërssù ant ‘l esili dla mia tèra
crasà da n’anvia ‘d fomna e da la por.
Mare, e adess ‘ndoa ‘t sës? Belessì
a dësborda ël Dampërtut, con le gighe
a tut volum, a criè la nòsta dësfaita.
Pisseje a còl. Ma na sòtola strabaussa
costa splin-a: l’è ‘ndrinta ‘d mi, guèra
mai diciarà, mai tirà fòra da sa matarìa:
masna al còl gropà, materia-mare, marela
e mascarìa: come potrò salvar l’anima mia?

Vibra l’universo. L’estate striscia / sui paesi, la noia, sua maestà, gira / come una trottola. I cani zingari ballano. / I delfini d’occitania salgono sui tavoli / alti sulle ali con i pugni in alto, verso / un cielo d’afa. Rivoluzione, vendetta, / a nosto modo siamo tornati, a prenderci / il meglio: a vivere. Danson la Carmagnole / au son du cannon. E io, Giaco Tross, / segnato in fronte, la lingua cattiva / di genepy, nascosto dietro i ray-ban / il mio pianto – io tutto ho disappreso / e so che tutto mi si è rivoltato contro / (io che solitario ho visto la notte / scendere sopra Mellea profonda: / io che sedetti sotto le mura a Tebe, / camminai in mezzo agli infimi / dei morti) nel giorno peggiore, uno scroscio / d’acqua sui maggesi, la radio raccontava / storie idiote e io perduto nascevo, senza / parole nemmeno per dirti arrivederci. Madre, / come uno straniero mi hai fatto andare in giro / a implorare un posto anche per te, per timidezza, / e sono cresciuto in esilio dalla mia terra, / distrutto da un desiderio di donna e dal terrore. / Madre, e adesso dove sei? Qui tracima l’Ovunque, con le danze / a tutto volume, a gridare la nostra sconfitta. / Pisciargli addosso. Come una trottola rotea / questa nausea: è dentro di me, guerra / mai dichiarata, mai tirata fuori da questa follia: / macina legata al collo, materia-madre, matassa / e diavoleria: come potrò salvar l’anima mia?

 

 

Nicola Peretti nasce nel 1977, avvocato di Cavallermaggiore, nel 2011 pubblica sua prima opera Sui campi di battaglia edita da Lietocolle.

 

Fabio Donalisio nasce nel 1977 a Savigliano. Insegnante e poeta , ha pubblicato: Miti logiche, La pratica del ritorno, Nulla più e nulla meno, Ambienti Saturi. Cura le pagine dei libri di “Blowup” e scrive su “Rolling Stone” e “Pulp”. È tra i fondatori del progetto editoriale “Nervi”.

(Visited 17 times, 16 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *