da Farlocà. Farneticare (Compagnia della stampa Masetti Rodella editori, 2018)

Chest ünich istant

Per quat temp patì ne la not
ön tremur al pensér de la mórt;
distant, nel defà d’ogni dé,
quand el carèch del temp
el slontàna ’l rügà de la ment.
Nel scarpelàs se pèrd
el piasér de l’istant,
ünich car a portàs
la véra rezù del nost vias,
ön regal de góder encö
sensa smórte memórie de l’ier
e l’inütil tran-tran del domà.

Questo unico istante. Per quanto tempo soffrire nella notte / un tremore al pensiero della morte; / distante, nel darsi da fare d’ogni giorno, / quando il peso del tempo, / tiene lontano l’affaccendarsi della mente. // Si perde nello scervellarsi, / il piacere dell’istante,/ unico carro a trasportare, / la vera logica del nostro viaggio / un regalo da godere oggi, / senza smunti ricordi dell’ieri / e l’inutile andazzo del domani.

Nüda come l’istat

E ne la not d’istat,
dierc i védre e i scür,
ria dent de töt, a birulàde:
discors de ciòch, cansù
de ’n temp zamò ’ntröbiàt
compagn dei pensér vèc,
che i röma fiach ades
e i spèta chel ciarös
per liberàs, sincér,
e de pödì fas us,
quand i rinàs
liber e sensa vél,
come l’è nüda l’istat.
E té, memória, a frónt
de ’n pas lesér che ’l spènd
monéda föra córs,
sótra l’istant che ’l pians
ön ciar tat diferènt
dientàt ormai distant.

Nuda come l’estate. E nella notte d’estate, / spalancati i vetri e gli scuri,/ entra di tutto a rotoloni: / discorsi di ubriachi, canzoni / d’un tempo già offuscato / come i pensieri vecchi,/ che rimuginano fiacchi adesso / e attendono quella folgorazione / per liberarsi, sinceri, / e di potersi far voce, / quando rinascono / liberi e senza velo, / come è nuda l’estate. // E tu, memoria, di fronte/ ad un passo leggero che spende / moneta fuori corso, / sotterra l’istante che piange / una luce così diversa / fattasi ormai lontana.

Paròle ’n rima

J-è issé lesére le paròle ’n rima
de pogiàs a malapéna sura ’l fòi,
e l’è assé ’n réfol de la primaéra
a fale ulà delóns, quase a pirdìs
ön vul en de ’n grand mar endô scundìs,
e l’onda j-a rebàt de spónda a spónda;
noma la us del vent le gha derènt,
ön éco che ’l se smórsa mai nel temp.

Parole in rima. Sono così leggere le parole in poesia / da appoggiarsi a stento sul foglio,/ e basta un refolo di primavera / a farle volare lontano, quasi a perdersi // un volo in un oceano nel quale nascondersi, / e l’onda le rimanda da sponda a sponda; / hanno accanto soltanto la voce del vento / un eco che non si attenua mai nel tempo.

Lino Marconi nasce a Chiari e ha 90 anni. Molte delle sue raccolte poetiche hanno ricevuto premi di poesia vernacolare: premio speciale del Comune di Grado; premio alla carriera “Biagio Marin”; nel 2016 ha vinto il primo premio del Concorso Nazionale “Salva la tua lingua locale” indetto dalla Unione Nazionale Delle Pro Loco d’Italia – UNPLI, con l’opera “Ritrat de ‘n penser” edito da Campanotto, pubblicata nel 2014.

(Visited 53 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *