da Ossa di crita (Mesogea 2020)

 

aundi vannu li vardati

Aundi vannu li vardati l’occhi
canusciuti e scanusciuti
chi a lu ’ntrasattu
spianu
dumandi sdilignati (tradituri)
c’a bucca non supporta?

Occhi
chi cuntanu stori
cu vuci senza sonu
parran(d)u d’aieri comu si fussi oggi
e di dumani comu si fussi aieri, funtani dispirati di-spiranza

Aundi si ricogghi la forza superchia
di li brazza
stringiuti ’nta lu scuru
arretu a mura surdi e senza occhi
pi scriviri da spacci
’nta li cianchi, cu dita cunsumati,
strazzandulu a li carni,
lu cantu da spartenza?

dove vanno gli sguardi. Dove vanno gli sguardi / gli occhi conosciuti e sconosciuti / che all’improvviso / scagliano / domande sradicate (traditrici) / che la bocca non tollera? / Occhi che raccontano storie / con voce senza suono / parlan(d)o di ieri come se fosse oggi / e di domani come se fosse ieri fontane disperate di-speranza / Dove si raccoglie la forza soverchia / delle braccia / strette nel buio / dietro muri sordi e senza occhi / per scrivere al rovescio / nei fianchi / con dita consumate, / strappandolo alla carne, / il canto della spartenza?

 

lu cantu di la traffinera

’Na vuci rrutta
purbiri di ferru
aggrumatu cu sangu

Carni tagghiata
firita sciacquata
di sali
non a sanari
ma a cunzari

Quattru ìdita
a ungiri lu mortu
a farici u signu da cruci
a benidiri e a cundannari
E lu lignu
chi fu tana
esti lettu di morti

il canto della traffinera. Una voce rotta / polvere di ferro / aggrumato con sangue / Carne tagliata / ferita sciacquata / dal sale / non per sanare / ma per condire / Quattro dita / a ungere il morto / fargli il segno della croce / benedire e condannare / E il legno che fu tana / è letto di morte

 

scill’e cariddi

Comu bugghi lu mari
davanti a lu faru…
Pari focu,
miscitatu du ventu
ianchìa,
poi ripigghia culuri
a partiri d’un pizzu
d’un latu
e di novu d’un trattu
cchiù niru di prima,
cunfundi
la strata a li undi
la via pi la rina

scill’e cariddi. Come ribolle il mare / di fronte al faro… / Sembra fuoco, / rimescolato dal vento / s’imbianca, poi riprende colore / a partire da un bordo / da un lato, / e di nuovo, d’un tratto / più nero di prima, / confonde / la strada alle onde / la via per la riva

 

Massimo Barilla drammaturgo, poeta, sceneggiatore e regista. Dirige Mana Chuma Teatro per il quale ha scritto e/o diretto tra gli altri: Spine (2003) finalista premio Ustica per il teatro ’03, Historia du surdatu (2003, coprod. ManaChuma/CasadegliAlfieri/AstiTeatro), Di terra e di sangue (2005, Spettacolo ufficiale del Centenario CGIL),’70voltesud (2007,utilizzato per una puntata monografica sui Moti di Reggio Calabria da Rai Storia) L’ultimo inganno/un’altra Iliade (2011) Come un granello di sabbia /Giuseppe Gulotta, storia di un innocente (2015 Selezione In-box blu 2016). Citato dalla rivista francese “Frictions” tra i 10 autori italiani più importanti di impegno civile. Per il cinema ha scritto e diretto il film 26 settembre 1970 / il cielo limpido tratto dallo spettacolo teatrale ’70voltesud. Ha scritto soggetto e sceneggiatura del lungometraggio Primula Rossa. Ha diretto il Teatro Siracusa di Reggio Calabria ed è responsabile dell’area culturale della Fondazione Horcynus Orca. Autore di racconti e poesie inedite in italiano; in dialetto calabrese esce nel 2020 la raccolta poetica Ossa di crita con le illustrazioni di Aldo Zucco.

(Visited 2 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *